Dicembre 29, 2020

Emergenza Palloncini

Questo comunicato è frutto di un’azione congiunta tra associazioni e attivisti dell’ambiente di Napoli. Nasce durante le feste, senza pianificazione, con un gruppo whatsapp e tanta buona volontà.

Napoli, 29.12.2020

Apprendiamo in queste ore che molti cittadini e cittadine, negozianti e comitati di quartiere si stanno organizzando per festeggiare il Capodanno, non utilizzando gli odiosi botti, bensì un lancio di palloncini bianchi o colorati, in segno di omaggio alle vittime del COVID e di solidarietà con gli operatori sanitari che tanto hanno dato e continuano a dare in termini d’impegno contro il virus.

Apparentemente potrebbe sembrare lodevole ed innocua come iniziativa, anche rispettosa degli amici a 4 zampe che da sempre soffrono la notte del 31 per i botti, ma non lo è per chi conosce i danni che i palloncini provocano all’ambiente ed in particolare al mare.

Si tratta sempre di oggetti in plastica e, pur se biodegradabili o compostabili, per decomporsi hanno bisogno di condizioni particolari e tempi lunghi: insomma, in acqua non spariscono e nemmeno sui rami di un albero o nelle strade cittadine.

Durante le nostre azioni di raccolta e monitoraggio della plastica ne troviamo a decine, quando non vengono ingeriti da pesci, uccelli marini, balene e delfini, sempre più colpiti dall’inquinamento da plastica, provocandone molto spesso la morte per soffocamento.

Pertanto, tutte noi associazioni che abbiamo a cuore le sorti del mare, del pianeta e della nostra città, chiediamo agli organizzatori ed alle organizzatrici di questi eventi di ripensarci, di trovare un modo meno invasivo per festeggiare l’arrivo del nuovo anno, certi che anche loro abbiano a cuore la città, il mare, l’ambiente.

Un gesto di solidarietà per tutte e tutti coloro che hanno sofferto e soffrono a causa del COVID19, ma senza dimenticare che disperdere rifiuti nell’ambiente nuoce, anche se in maniera meno tangibile nell’immediato, alla salute di tutti noi.

Che bella e positiva manifestazione di vicinanza sarebbe per costoro, “Un Capodanno di solidarietà e Verde”, magari con candele, fiocchi colorati, striscioni, canzoni al balcone, ma senza palloncini di plastica o lanterne, che finiscono in mare e sono inquinanti.

A tutte le istituzioni cittadine chiediamo invece a gran voce di non autorizzare né tantomeno patrocinare iniziative che abbiano l’effetto collaterale di disperdere rifiuti nel nostro già ampiamente straziato ambiente.

Let’s Do It Italy – Retake Napoli – N’SeaYet – Prendi3 – WWFNapoli – Greenpeace Gruppo Locale Napoli – Primaurora – TeachersForFuture Campania – FridaysForFuture Napoli – CSI La Gaiola – Oceanomare Delphis Onlus – Fondali Campania – Animal Save Napoli – Climate Save Napoli – CleaNap – Kayak Napoli – Rifiuti Zero Campi Flegrei – StopBiocidio – Marevivo Campania – Associazione Grande Onda – Spiaggia Superabile – Legambiente Volontariato Campi Flegrei – L’amo di Capri – ZeroWaste/ RifiutiZero Campania – Natura Sottosopra – Associazione MADRE  – Zero Waste Italy – ASOIM associazione Studi Ornitologici Italia Meridionale – FIAB Napoli Cicloverdi – Legambiente parco letterario Vesuvio APS – Sii Turista della tua città – Tuenda area flegrea – Premio GreenCare APS – Legambiente Circolo La gabbianella e il Gatto – Legambiente Circolo di Bagnoli Thomas Sankara – Legambiente Circolo Iride – CiakSìScienza – GreenItalia Campania .

Condividi

Leggi gli altri articoli

Il Tavolo dell’immobilità
Food Waste – Spreco Alimentare // 50 Sfumature di Munnezza
Marco Allegretti _Unsplash
(S)punti per Napoli 2021
50 sfumature - web meeting dicembre
Dal basso verso l’alto // Innescare
Cleanap per #SERR: “50 sfumature di…munnezza”
Rigenera Napoli
Zona Rossa
Acquamat
AcquaMat: più partecipi, più segnali, più bevi e meno inquini!
prendersi cura
Prendersi cura di Napoli
Rimozione della stazione di piazzetta Nilo
«Bike Sharing Napoli è morto, evviva Bike Sharing Napoli!»
FASE 2
Mobilità SOStenibile: visione duratura e sistemica cercasi