Aprile 21, 2020

Una città sospesa

Napoli durante il lockdown Covid19 ci ha sorpreso e contemporaneamente confermato molte cose.

Ci ha sorpreso il silenzio irreale, per chi è abituato al caos creativo e al rumore dei mercati, del vociare delle persone, ai clacson delle macchine.
Un grande silenzio, rotto da sirene di autombulanze e campane della chiesa. Almeno questo si sentiva da casa mia, la sede di Cleanap, che sorge in una delle vie più trafficate della città, snodo di collegamento tra il centro e a zona ospedaliera.
Abbiamo visto foto e immagini che passeranno alla storia perchè immortalavano il silenzio.


Abbiamo poi assistito, invece a qualcosa che sapevamo esistesse già: manifestazioni di solidarietà e unione di intenti da parte di tanti cittadini, associazioni e gruppi informali che si sono dati da fare per supportare i più deboli. Perchè oltre all’emergenza contro il virus, il nostro territorio ha avuto (e avrà) da fronteggiare anche l’emergenza sociale e la povertà. Abbiamo avuto dunque una conferma: la grande generosità del nostro popolo, l’attenzione e la cura verso i più deboli, la volontà e la necessità di mettersi in gioco.
Nasce in città la Spesa SOSpesa, proliferano i gruppi facebook per l’autorganizzazione di volontari per fronteggiare e aiutare i senza fissa dimora, come quello di Responsabilità Popolare o come chi ha raccolto le iniziative in questa mappa crowd con molte delle Reti e pratiche solidali nell’emergenza. E ancora, la Cucina Continua (progetto lanciato a Salerno) e le iniziative sistemiche #insiememaisoli del Comune di Napoli.

Nasce poi l’idea del Carrello Sospeso a cui partecipiamo con altri amici e associazioni e che è finito sulla Rai a Linea 1.
Contemaporaneamente nascono (anche) le preoccupazioni: perchè lì dove non arriva lo Stato, arriva la camorra e quindi siamo tra i firmatari di un appello in cui si dice sostanzialmente: MUOVETEVI!

E poi il bellissimo panaro solidale che ha fatto il giro del mondo, arrivando forse prima all’estero e poi in altre città italiane. Questo video è stato diffuso in Francia, ad esempio.

Ultimo, ma non ultimo, grazie al coordinamento del gruppo di Responsabilità Popolare, ci siamo anche riscoperti “cuochi” e ci siamo dati da fare per preparare e consegnare cibo e frutta fresca alle comunità in difficoltà che ruotano attorno alla Chiesta di San Nicola alla Carità: una goccia nel mare, ma felici di contribuire nel nostro piccolo!


Insomma, in questi ultimi 45 giorni, ci sono state tante cose a cui pensare e a cui contribuire provando a fare la nostra parte di cittadini attivi e responsabili.

Qui non è tutto rosa e fiori (non lo è mai stato), né pizze e mandolini, ma senza dubbio alcuno non ci siamo mai sentiti così tanto felici di essere napoletani.











Condividi

Leggi gli altri articoli

World Clean up Day 2021
CLEANAP al BLOC FEST
Il parcheggio re-inventato
Un PNRR_under40
Generare valore? Yes, we can!
Buon decimo compleanno, Cleanap!
Caffè sospeso – la newsletter
Moda Sostenibile// 50 sfumature di…munnezza
Che aria tira a Napoli
Patti di Cittadinanza e Gender Equality Matters