maggio 11, 2016

Ridateci le bici! #SaveBikeSharingNapoli

ciclostazione

#SaveBikeSharingNapoli

Le ciclostazioni di Bike Sharing Napoli sono vuote ormai da mesi, che desolazione! E che rabbia!

Abbiamo lavorato e pedalato a lungo, siamo riusciti insieme a tutti voi a realizzare quella che fino a pochi anni fa sembrava essere un’utopia per la nostra città: abbiamo contribuito al cambiamento di rotta della città verso la mobilità sostenibile.
Forse non lo sapevate, ma ci abbiamo creduto in più di 15.000 e insieme abbiamo percorso in bici oltre 120.000 km. Circa 3 volte il giro della Terra, per intenderci!
Alla fine del progetto, alla luce di questi incoraggianti risultati ottenuti grazie alla vostra partecipazione e supporto, eravamo certi che saremmo ripartiti in tempi brevi. E invece ad oggi, dopo oltre 7 mesi di attesa, siamo ancora in attesa dell’ok da parte del MIUR, il Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca.

Perché Bike Sharing Napoli è fermo?

Perché il Miur non dà riscontro formale alla richiesta di prosecuzione del progetto. Tale richiesta è stata avanzata sia da parte dell’associazione Cleanap, in quanto soggetto attuatore, sia da parte del Comune di Napoli.

Il Comune di Napoli, gli Assessorati alla Mobilità e all’Ambiente e ANM sin dall’inizio hanno manifestato grande supporto e interesse verso questa sperimentazione; con loro abbiamo dialogato anche per costruire il prosieguo del progetto.

Quali sono le ragioni?

Questioni amministrative? Lungaggini burocratiche? Volontà politiche sottese? Ai posteri l’ardua sentenza. Sta di fatto che il progetto è fermo dall’1 ottobre 2015: non pedaliamo da troppo tempo, le stazioni restano inutilizzate e il rischio che corriamo tutti è che il progetto non abbia futuro ­ facendo perdere così un’opportunità alla città di Napoli.

Questa situazione, purtroppo, è generalizzata e vale per tutti i progetti del nostro stesso bando (parliamo di oltre 50 realtà under 30 in tutto il Sud). Eppure obiettivo del bando era fare in modo che le sperimentazioni realizzate venissero acquisite dalle pubbliche amministrazioni per diventare buone pratiche a vantaggio della collettività.

Come aiutare Bike Sharing Napoli?

Abbiamo bisogno del vostro aiuto per farci sentire e mantenere viva l’attenzione sul progetto. Probabilmente queste azioni non saranno risolutive, ma vogliamo provarci e non abbiamo nulla da perdere.

1. Manda un tweet al Miur taggando @MiurSocial @Ponrec con l’hashtag #savebikesharingnapoli
Vuoi metterci la faccia? Scatta un selfie vicino a una ciclostazione vuota o scegli tu il modo migliore per dimostrare il tuo sostegno.

2. Usa l’hashtag #savebikesharingnapoli anche su Facebook e Instagram.

Resta in contatto con noi per aggiornamenti sui prossimi sviluppi.

Facciamo sapere al Miur che l’interesse verso Bike Sharing Napoli è ancora vivo e forte!

—­­­

Bike Sharing Napoli è un progetto di ricerca dell’associazione Cleanap che ha vinto il bando “Smart Cities and Communities and Social Innovation” del MIUR – PON Ricerca e Competitività 2007­-2013, cofinanziato con risorse del FESR per le Regioni della Convergenza, supportato dal Comune di Napoli e da ANM. Il progetto è iniziato a luglio 2012 e si è concluso, come tutti gli altri progetti afferenti allo stesso bando, il 30 settembre 2015.

Trovi una sintesi della situazione attuale del progetto sul blogwww.bikesharingnapoli.it/it/riassunto­delle­puntate­precedenti

Condividi

Leggi gli altri articoli

floridiana
Recupero del Belvedere della Floridiana
47149148_2533470110013089_6595501777175445504_n
SAVE THE DATE: al via Opportunity!
4a385973-c382-4975-9ea6-713be0f70336
Tutti a Soccavo: tra centro e periferia
DSC02786
Le facce de La Ginestra
incendio-vesuvio-11-luglio-2017-12-3
Flashmob #LaGinestra: mai più roghi
19424309_653314524867207_4027102792080265182_n
Scampia Summer Jam vol. 3
18765951_1786984907994950_5050187862863178012_n
Opportunity al Jemming: serata di beneficenza
17637146_1376408642422820_417426790472713750_o
Ripuliamo la scala del MANN!
agenzie
Agenzia di Cittadinanza – English for all
CityLab
La città, Secondo Noi