marzo 10, 2016

Ferma le trivelle – aspettando il Referendum

bannernapoli

Nel corso degli ultimi anni abbiamo spesso parlato del mare. In particolar modo ne affrontiamo l’argomento “pulizia” attraverso la campagna Let’s Do It! Mediterranean ogni mese di maggio da tre anni a questa parte.
Parliamo della concentrazione di plastica, della catena alimentare, delle ripercussioni sulla nostra salute e spesso ne approfittiamo per parlare anche di  integrazione, cercando di non dimenticare mai di sensibilizzare sulla tragedia dei migranti e dei rifugiati che ogni giorno rischiano la vita attraversandone le acque.

Il nostro metodo di approccio e di comunicazione alle tematiche ambientali è del tutto induttivo, diremmo con un retaggio filosoficheggiante: partiamo dal particolare per giungere al generale, dalla piccola esperienza quotidiana, alle grandi problematiche discusse a livello planetario.
E proprio questo approccio ci ha indotto ad informarci sul referendum del prossimo 17 aprile sulla questione delle trivellazioni. L’assunto di fondo è che noi vogliamo che il mare sia fruito da tutti e che sia pulito, mentre con le trivellazioni si sta rischiando grosso, per meri motivi economici. Purtroppo, infatti, il nostro mare è già pieno di scempi del genere e le regioni del sud, che vivono o che potrebbero vivere soprattutto di turismo, sono le prime a pagarne le conseguenze. Ecco perché alcune hanno chiesto al governo di ricorrere al referendum abrogativo; sostanzialmente si chiede al popolo se è favorevole a fermare le trivellazioni entro le 12 miglia dalla costa una volta esaurite le concessioni.

Per approfondimenti sull’iter legislativo e per agire in prima persona scaricando materiali informativi da condividere www.fermaletrivelle.it – www.greenpeace.org

Un altro punto su cui vorremmo insistere è l’assoluta mancanza di informazione pubblica sul referendum: la maggior parte della popolazione sa poco o nulla, quando non ne ignora completamente l’esistenza. Inoltre, la scelta di separare il referendum dalle elezioni amministrative che avranno luogo in alcune delle più grandi città italiane il prossimo giugno, rappresenta un vecchio trucco per evitare il quorum, nonché uno spreco di denaro notevole che doveva essere assolutamente evitato.

Ciò detto, Cleanap inizia il percorso di avvicinamento al referendum con il neonato  Comitato referendario Napoli – No Triv per lavorare insieme (comitati, movimenti, cittadini) e fare network sul territorio. Domani pomeriggio, 11.03.2016 alle ore 17.30 ci sarà la prima assemblea di lancio presso l’Ex Asilo Filangieri a cui invitiamo tutti a partecipare e di cui potete leggere più info qui.

Salviamo il mare, l’Italia non è un paese per fossili.

 

Condividi

Leggi gli altri articoli

floridiana
Recupero del Belvedere della Floridiana
47149148_2533470110013089_6595501777175445504_n
SAVE THE DATE: al via Opportunity!
4a385973-c382-4975-9ea6-713be0f70336
Tutti a Soccavo: tra centro e periferia
DSC02786
Le facce de La Ginestra
incendio-vesuvio-11-luglio-2017-12-3
Flashmob #LaGinestra: mai più roghi
19424309_653314524867207_4027102792080265182_n
Scampia Summer Jam vol. 3
18765951_1786984907994950_5050187862863178012_n
Opportunity al Jemming: serata di beneficenza
17637146_1376408642422820_417426790472713750_o
Ripuliamo la scala del MANN!
agenzie
Agenzia di Cittadinanza – English for all
CityLab
La città, Secondo Noi